COMUNE DI ALES

 

FILASTROCCHE, POESIE E MODI DI DIRE 

INDICE

Cicli agrari

Tradizioni religiose

Cucina

Riti scaramantici

Il costume locale

 

Mestieri

Filastrocche

Fiabe

MODI DI DIRE

Contixeddus

Preghiere

Canzoni

 

 

INCHIESTA E RACCOLTA DI POESIE SCRITTI

MUSICALITA’ LEGGENDE E MODI DI DIRE

(a cura di Alessandro Ladu, Claudio Zucca, Fabio Deiola)

 

 

Innanzitutto dalla ricerca sul campo non siamo riusciti a reperire documenti di particolare interesse per quando riguarda la poesia e le musicalità sarde locali. Primo perché il paese di Ales, essendo stato nel passato un centro urbano che ha vissuto principalmente di terziario e in virtù del fatto che già prima dell’anno 1182 diventò sede di diocesi subendo notevoli contaminazioni da teologi, studiosi, non ha sviluppato particolari tradizioni popolari caratteristiche, a parte quelle connesse direttamente all’ambito religioso. Ciò è testimoniato anche da alcuni studiosi come ad esempio il Valery, che nella sua opera "Voyage en Sardigne" del 1837, descrive Ales come un piccolo borgo, "fangoso d’inverno e polveroso d’estate", che per la sua popolazione prettamente formata da uomini di chiesa, veniva paragonato a una sorta di grande e rustico seminario. Le poche informazioni rilevate, sempre per quanto riguarda poesie e musicalità, non sono particolarmente significative. Potremmo citare come poeta più rappresentativo Remigio Porcu, recentemente scomparso all’età di 96 anni, che ha lasciato alcuni scritti (poesia e prosa). Per quanto riguarda la musicalità, i balli e le danze, potremmo citare alcuni fisarmonicisti in attività tra il 1940 e il 1950 come Luisiccu Sarigu, Liccu Olla (organetto), Peppi Porta e Ziu Frongia (fabbro di Ruinas, sposato ad Ales): in effetti erano più musicisti a livello amatoriale che non veri e propri professionisti, infatti suonavano più che altro in occasione delle festicciole, molto comuni all’epoca, che si svolgevano in ambito domestico, mentre per le feste paesane si esibivano fisarmonicisti provenienti dalle zone limitrofe. Non esistono balli caratteristici locali ma bensì variazioni del ballo sardo, come "S’arrosciada" e "Sa danza", tipici di altri paesi anche se qualcuno sostiene che Ales avesse il suo particolare e unico modo di ballare tali balli. L’unico documento che siamo riusciti a reperire è un’immagine delle launeddas ( o giogu de sonu) appartenenti al sopraccitato Luisiccu Sarigu.

Per quanto riguarda il canto funebre (eseguito esclusivamente da donne, attitadorasa) abbiamo qualche sporadico esempio, anche se non si può parlare di vero e proprio "attitu": uno riguarda il lamento di una persona "sciocca" che davanti al marito defunto pronunciò questa cantilena: "Ohi pobiddu miu, oi gè sesi allonghiau, tottusu in bixianu sìanta, se’ cidriu che anguidda, tottusu in bidda sìanta". L’altro esempio riguarda una certa Zia Mracella che, durante il funerale di una persona benestante, eseguì una sorta di canto funebre, ottenendo una ricompensa in denaro.

Anche la ricerca sulle leggende paesane non è stata soddisfacente in quanto gli informatori intervistati ci hanno fornito solo notizie frammentarie e non sufficienti a ricostruire le stesse leggende nella loro interezza. Qualche accenno alla storia de "Sa musca macedda" nel castello di Barumele, qualche aneddoto su Donna Violante Carroz o sulla storia di Luxia Arrabiosa ma niente di più.

FILASTROCCHE

Filastrocca 1- 1933

 

Seu andada a bingixedda mia

Apu agatau sa ia arromada

Apu progontau e chi du’ è passada

‘a nan’ ch’e passada nostra Signora

Nostra Signora cun su fillu in cou

E Santu Giuseppi cun sa corona

E sa corona beni frorigiada

Zippiri mottu e sa rosa incrannada

Filastrocca 1. 1933

Sono andata nella mia vigna

Ho trovato il sentiero calpestato

Ho chiesto a chi è passato

Dove è passata nostra Signora

Nostra Signora col figlio in grembo

E San Giuseppe con la corona

E la corona ben ornata di fiori

Rosmarino secco e rosa appassita

 

Filastrocca 2- 1933

 

Aborrimi su brocciabi

Gipponi e appibabi

Asuba su gipponi

Barritta e pigioni

Asuba a sa barritta

Gunnedda e pibaritta

Asuba e sa gunnedda

Spada e arrodedda

Asuba a sa spada

Bella biga arromada

Asuba a sa biga

Xriobeddera e fromiga

Asuba a sa xriobeddera

Gommai cua pera

A suba a sa gommai

Bella bucca e basai

Asuba e sa bucca

Fronti no d’accuppada

Asuba a su fronti

Is pibionisi de monti

Asuba is pibionisi

Sa cruxi de’ maillonisi

Asuba e sa cruxi

Is punteddusu chi luxinti

A suba e is punteddusu

Maragusu e maceddusu

Asuba de i maragusu

Du è Deusu coronau

Asuba Deusu

S’attari de Onieu

Asuba e s’attari

S’ostia cunsacrada

Asuba s’ostia

Sa Vergini Maria

Asuba a sa Vergini

Du adi unu arrogu

Asuba s’arrogu

Dui è Sant’Antiogu

Asuba e su Santu

Unu frori biancu

Asuba e su frori

Sa prazza e su Signori

Asuba e sa prazza

Unu fundu de ambuazza

Asuba a su fundu

Su punteddu e su mundu

Asuba a su punteddu

Dui esti unu piccineddu

Asuba e su piccinnu

Una matta de arangiu frimmu

 

Filastrocca 2 1933

 

Passami su brocciabi

Giubbotto e appibabi

Sopra il giubbotto

Cappello e acino

Sopra il cappello

Gonna e pibaritta

Sopra la gonna

Spada e rotelle

Sopra alla spada

 

Sopra la biga

Cervello di formica

Sopra il cervello

Comare nascondi pera

Sopra la comare

Bella bocca da baciare

Sopra la bocca

Sopra la fronte

I chicchi del monte

Sopra i chicchi

La croce ………..

Sopra la croce

I punteruoli che luccicano

Sopra i punteruoli

 

C’è Dio coronato

Sopra Dio

L’altare di

Sopra l’altare

L’ostia consacrata

Sopra l’ostia

La Vergine Maria

Sopra la Vergine

C’è un pezzo

Sopra il pezzo

C’è Sant’Antonio

Sopra il santo

Un fiore biuanco

Sopra il fiore

La piazza e il Signore

Sopra la piazza

Un mazzo di cicoria

Sopra il mazzo

La punta e il mondo

Sopra la punta

C’è un piccoletto

Sopra il piccolo

Una pianta ferma di arancio.

 

Filastrocca 3- 1930

 

Mamaioba mamaioba

Bai a Casteddu soba soba

Bittimi unu aneddu, unu aneddu po sposai

Cun chi m’apu a coiai

Cun su fillu a Marroccu

Potta denti de procu

Potta denti de cani

Mamaioba mamaioba pesadì a bobai

 

Filastrocca 3 1930

 

Coccinella coccinella

Vai a Cagliari sola sola

Portami un anello, un anello per sposarmi

Con chi mi sposerò

Con il figlio di Marroccu

Ha i denti di maiale

Ha i denti di cane

Coccinella coccinella alzati e vola.

 

Filastrocca 4 – 1925

 

Pilloneddu pittiu pittiu

Pesau mi seu in su bonu caminu

Pesau mi seu in su bonu mangianu

Ogusu a cielu apu atziau

Ogusu a cielu a sa gloriosa

Frisca sesi ca sa rosa

Frisca sesi ca su zillu

Mamma cara a cuddu fillu

Mamma cara a cuddu santu

Babbu, Fillu e Spiritu Santu

 

Filastrocca 4 1925

 

Uccellino piccolino piccolino

Mi sono alzato nella giusta via

Mi sono alzato nel buon mattino

Ho rivolto gli occhi al cielo

Gli occhi al cielo alla Madonna

Sei fresca come la rosa

Sei fresca come il giglio

Mamma cara a quel figlio

Mamma cara a quel Santo

Padre Figlio e Spirito Santo.

 

Poesia 1- 1933

 

Pilloneddu pitzu pitzu

Itta pottasa in su pitzu

Ollu Santu battiau

Gesù Cristu annomenau

Annomenau in sa novena

Ave Maria grazia prena

 

Poesia 1 1933

 

Uccellino beccop becco

Cos’hai nel becco

Olio Santo benedetto

Gesù Cristo nominato

Nominato nella novena

Ave Maria piena di grazia

Ninna Nanna

 

Dinghi dinghi sa violla

Ca sa meri crocca solla

Ca su meri è a Casteddu

A comprai unu cappeddeddu

Po du poni a sa pipia

Dinghi dinghi viollina

 

Ninna Nanna

 

Dinghi dinghi la viola

La padrona si corica sola

Che il padrone è a Cagliari

A comprare un cappello

Per metterlo alla bambina

Dinghi dinghi violetta

 

Filastrocca 5

 

Deu mi tengu s’enna mia

Cun sa spada de Sant’Andrìa

Cun sa spada de Sant’Anna

Deu mi campidi de maba fama

Maba fama e giustizia trotta

No bengiada sa motti a mi picchiai sa potta

No m’agàttidi disiparada, né cunfessada, né cumminigada

A mei puru mi confessa Deusu

Santu Luca e Santu Matteu

Santu Matteu miu Santu

Babbu Fillu e Spiritu Santu

 

Filastrocca 5

 

Io ho la mia porta

Con la spada di Sant’Andrea

Con la spada di Sant’Anna

Dio mi scampi dalla cattiva fama

Cattiva fama e ingiustizia

Non venga la morte a bussarmi la porta

Non mi trovi disperata , non confessata, non comunicata

Anche a me mi confessa Dio

San Luca e San Matteo

San Matteo mio Santo

Padre Figlio e Spirito Santo

 

Filastrocca 6

 

Su lettu miu è de quattru cantusu

E dui croccanta quattru santusu

Dusu a peisi e dusu a conca

S’anima mia d’adi arragotta

 

Filastrocca 6

 

Il mio letto ha quattro piazze

E ci coricavano quattro Santi

Due dalla parte dei piedi e due dalla parte della testa

La mia anima l’ha raccolta

 

Filastrocca 7– Cantata alle bambine durante la pettinatura per invitarle a stare ferme.

 

Pentona pentona coa e cabixietta e coa e caboru

Fai su piu onu, su piu oneddau

Andau a santu Francau a Pompu

A nui bendinti piriccoccu e nuxiedda

Po’ ‘ndi preni sa buxiacchedda de custa pippiedda

 

Filastrocca 7

 

Pettina pettina coda di lucertola coda si serpente

Fai belli i capelli, i capelli abboccolati

Andiamo a San Francesco a Pompu

Dove vendono albicocche e noccioline

Per riempire la taschina di questa bambina

 

Filastrocca 8

Zicchiria zicchiria

Candu fui in bidda mia

Pappaa pibiri e gannella

Moi ca seu in bidda allena

Pappu scetti schivoria

Zicchiria zicchiria

 

Filastrocca 8

Zicchiria zicchiria (erba)

Quando ero al mio paese

Mangiavo pepe e cannella

Adesso che sono fuori paese

Mangio solo schifezze

Zicchiria zicchiria

 

Le seguenti giaculatorie si recitavano durante il temporale per scongiurare i pericoli causati dai fulmini. Si ripetevano per 12 – 13 volte aumentando progressivamente il numero dei ceri (citati nei versi) tenuti accesi in attesa che cessasse il temporale.

PRIMA VERSIONE

Santa Barbara e Santu Iaccu

Osu pottai is craisi de lampu

Osu pottai is craisi de cielu

E no toccheisi mai fillu allenu

Né in dommu né in su sattu

Santa Barbara e Santu Iaccu

 

PRIMA VERSIONE

Santa Barbara e San Giacomo

Oso portare le chiavi del lampo

Oso portare le chiavi del cielo

E non toccate mai i figli altrui

Né in casa né in campagna

Santa Barbara e San Giacomo

 

SECONDA VERSIONE

Gesù Cristu candu nasciada

Bellu e bonu mi pariada

Bellu e bonu mi pariaisi

Unu cereu pottaiaisi

Unu cereu pottai tenendi

Cun unu libru liggendi

Cun d’una anima santa e savra

Gesù Cristu cun sa mamma

 

SECONDA VERSIONE

Quando nasceva Gesù Cristo

Mi sembrava bello e buono

Mi sembravate bello e buono

Portavate un cero

Portavate un cero acceso

Leggendo un libro

Con un’anima santa e salva

Gesù Cristo con la mamma

 

Fiabe che si raccontavano generalmente d’estate quando si usciva a prendere il fresco.

FIABA – anni ’30

Ci fiada unu principi chi si girada is cittadidisi in cicca de agattài sa regina prusu bella. Si ponidi in viaggiu a levanti e arribbada in una cittadi e bidi custa picciocca bella e ciccada de fai amicizia poitta di praxiada e d’obiada po da sposai. Custa picciocca iada accettau poitta praxiada a issa puru, e d’adi tentu in dommu sua. Dopu unu pagheddu de tempusu, chi issu biviada in dommu sua, issa è abarrada gravida. Dopu tanti, su principi, stancu de bivi cun cussa, sinci esti andau, e issa d’ha nau: "Chi tui in moi t’inciandasa de mei, lassami callincuna cosa po arragodu po custu pippiu chi deppidi nasci" e issu dia lassau u’diamanti. Issa d’adi domandau innui deppiada andai e su principi d’adi arraspostu ca deppiada andai a Torinu. Issa teniada sa bacchetta magica e adi nau: "Bacchetta mia de cumandu, ti cumandu chi mi pottisi a Torinu in unu bellu palazzu e chi deu sia pru’ bella de commenti seu innoi a levanti. Su principi s’agattada a Torinu e gira gira incontrada custa bella picciocca e si faidi: "Custa è pru’ bella de cussa chi apu connottu a levanti". Faidi amicizia e issa du faidi entrai in dommu sua. Issa aspetta torra fillu de su principi, ma custu da lassada e issa di domandada de di lssai unu arragodu po su pippiu chi deppidi nasci, e d’adi lassau su cinturinu. Issa d’adi domandau innui deppiada andai e su principi d’adi arraspostu ca deppiada andai a Barcellona po affariusu. Insàrasa issa cummandada a sa bacchetta e di narada: "Bacchetta mia de cumandu, ti cumandu chi deu m’agatti a Barcellona pru’ bella de cussa chi seu a levanti e pru bella de cussa chi seu a Torinu". Su principi commenti esti arribbau a Barcellona adi incontrau custa picciocca e candu d’adi bida s’è fattu: "Custa sì ca esti una bella picciocca, mellusu de cussa ca apu connottu a levanti e de cussa ca apu connottu a Torinu. Cìccada de fai amicizia cun custa bella picciocca e issa d’adi accoltu in dommu sua, poitta s’è innamorada de su principi e a froza de tempusu issa puru abarrada gravida. Candu su principi s’è stancau de bivi cun issa, piada e da lassada e issa d’adi nau : "Lassami a su mancu unu arragodu po su pippiu chi spettu". E issu d’adi lassau sa corona. Dopu tant’annusu chi funti cresciusu is tres’ fillusu, issa ha cumandau sa bacchetta magica de ci da pottai in dommu e su principi. Arrìbada in dommu sua, e domandada chi du podiada incontrai po du salludai, e su principi adi ordinau a is srebidorisi de da fai intrai cun is tresi pippiusu. Commenti issu adi biu is pippiusu è abarrau meravigliau po sa bellesa, du s’ha fattusu accostai a issu, a unu a unu, e a su primu d’ha domandau: "Fillu de chi se’ tui?" e su pippiu adi arraspostu: "Deu seu fillu de sesi e sapienza, su re de potenzia nasciu a levanti, po cussu è chi pottu su miu diamanti". Accostada su secundu e di domandada: "E tui fillu e chi sesi?" e su pippiu adi arraspostu: "Deu seu fillu de sesi e sapienzia, su re de potenzia, nasciu a Torinu, po cussu è chi pottu su miu cinturinu". Accostada su terzu e di domandada: "E tui fill’ e chi sesi?" e su pippiu d’adi arraspostu: "Deu seu fillu de sesi e sapienza, su re de potenzia, nasciu a Barcellona, po cussu pottu sa mia corona". Su principi in sa’ sind’è rendiu contu ca is tresi fillusu fianta susu e in sa’ du su adi abbrazzausu e basausu in pari cun sa mamma e funti biviusu contentusu e feliciti in dommu e su principi.


 

Canzone dedicata alle ragazze nubili di Ales.

Canzone ‘e i bagadiasa – Anni ’40 (la canzone risale a oltre un secolo fa)

 

Accudei tottusu a su ballu e baddai

Accudei tottusu a custu prexeri

Dui è Peppina Atsogiu ca’è sa Maddalena

Attra ca’ issa no d’apu adattai

Accudeisi tottusu a su ballu e baddai

Né attra ca’ issa, né attra ca’ issa

Gesuina Pala candu andada a missa

Ca’ tottu sa cresia fai lampiggiai

Accudeisi tottusu a su ballu e baddai

Né tottu sa cresia né tottu sa cresia

Brabarina Serra lavra de ceresia

E in su chinzu pottada ………….?

Accudeisi tottu a su baddu e baddai

E in su chinzu pottada che una pandeba

Teresina Ciccu di naru sa meba

Sa meba rubina posta a serenai

Accudeisi totusu a su baddu e baddai

Sa meba rubina sa meba rubina

Matilde Matzeu sa sorri pittia

Che de cantu è bella d’ointi indorai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Né de cantu è bella né de cantu è bianca

Gesuina Tunisi di naru sa matta

Ca’ de cantu è grussa d’anti a laudai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Né de cantu è grussa né de cantu è grussa

Modesta Cascinu s’ha fattu una mussa

E po poni is piusu anc’ada a croccai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Né po poni is piusu né po poni is piusu

Landa Curreli timidi bandiusu

D’anti ammabazzada po n’di da pigai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

D’anti ammabazzada po pigaindedda

Atonia Frau s’ha fattu gunnedda

Cancu puntu mau tenit de passai

Accudei tottusu e su baddu e baddai

Cancu puntu mau, callincunu puntu

Margherita Scintu s’ha postu su luttu

Né po Pasca manna no s’ada a mudai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Né po Pasca manna e né po Pasca nodida

E Chiccina Melis sa muta follia

Nan’ca è schinizzosa po si coiai

Accudei tottusu a su ballu e baddai

Ha nau ca è schinizzosa ha nau ca è schinizzosa

Giovanna Cadoni sa matta e sa rosa

Disiggianta tottusu de ndi da segai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Disiggianta tottusu e disggianta medusa

Vittoria Atzori di naru sa stella

Che bessiada in s’ottu annanti e scrariai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Ca besiada a s’ottuannanti de fai luna

Minetta Dessì sa matta e sa pruna

Paridi de essi bentu pesada a bobai

Accudei tottusu a su baddu e baddai

Paridi de essi bentu paridi de essi bentu

Giovanna Ladoni chenzia e fundamentu

Adi scxioberau in su coiai

Accudei tottusu a su ballu e baddai

Ne ca adi sxioberau ne ca adi sxioberau

E Pia Madeddu su fascillimanu

Camminada in mari can’dè tempu bellu

Pia Madeddu di naru su vascellu

e candu si mudada po andai a missa

Gisa Coni di naru sa contessa

Unu signori di exidi a pigai

accudei tottusu a su ballu e baddai

unu signori unu cavalieri

Cicitta Corona di naru s’arroseri

Ca issa è naxia sa notti è natali

Accudei tottusu a su ballu e baddai

Ca issa è naxia sa notti e cuddu santu

De custa canzoni non di sxiu attru

Ma chi osattrusu obesi si da torru a cantai

Accudei tottusu a su ballu e baddai


 

NINNA NANNA

ANNINNIA ANNINNIA

 

Anninnia anninnia

Anninnia anninnia

Anninnia anninnia

Dormi pippiu, riposa riposa!

S’angelu calat de xelu cantendi

T’ada pottai sa mellusu arrosa

Bellu cun tui abarrat giochendi

Bellu cun tui abarrat giochendi

 


 

 

Preghiera recitata prima di andare a letto

 

C’intru in su lettu

S’angelu perfettu

S’angelu contendi

Gesù Cristu è predichendi

Cun sa luna e cun su sobi

Beatu Srabadori


 

FILASTROCCA 9-Accompagnata con un giochino con la mano – Sentita dalla nonna

 

Custu è su proccu

Custu d’ha mottu

Custu d’adi abbruschiau

Custu si d’ha pappau

E a pittiringhinu non di d’adi abarrau


 

FILASTROCCA 10– Cantilena di scherno per i ragazzi dei paesi vicini

 

Zepparesu pesau in pesu

In pesu pesau

Arruttu e croccau

In s’enna de gimitoriu

Ogusu de prummu

E facci de dimoniu


 

FILASTROCCA 11

 

Serra serra pabasa a terra

Pabasa a muru

Su toppi in muru

In muru su toppi

C’andada ada notti

C’andada ada ‘i

A ‘ndi pappai a ti a ti

 

Seconda versione citata da Atzori Maria

 

Serra serra pabasa a terra

Pabasa a muru

Su toppi muru muru su toppi

Tottu sa notti

Tottu sa di

Fai su lettu e croccadì

 

Citata da Tiddia Marisa


 

FILASTROCCA 12

Cixireddu cratzonisi strintusu

E su babbu d’adi strintu

E sa mamma na’ ca no

Tichi-to tichi-to


 

CONTIXEDDUSU E MODI DI DIRE

 

Possiamo dire che per quanto riguarda i cosiddetti "contusu e contixeddusu" la stragrande maggioranza si è persa nel tempo e nella memoria delle persone, mentre i modi di dire vengono ancora oggi utilizzati nel comune linguaggio dialettale, soprattutto dalle persone di una certa età.

MODI DI DIRE –

Si ‘ettada a maccu po no pagai asteria

Dicesi per persona che, pur di evitare di fare una certa cosa, di compiere un determinato gesto, si finge pazzo

 

Deusu ‘ndi campidi de poberu avanzau

Dicesi per una persona che da povera è diventata improvvisamente ricca, e non avendo mai vissuto in tale situazione, manifesta atteggiamenti di superiorità non riscontrabili neanche in persone benestanti di famiglia.

Su mobenti no adi pappau mai forrania

Dicesi per una persona che rifiuta un cibo che ha mangiato diverse volte.

Su friusu e Ziu Codra ca pottada sa burra de massai, su trebini a sei e su laccu de sa moba a cappeddu

Dicesi a pesona infreddolita.

Toccau de su matteddu e Deusu

Dicesi a persona che compie un gesto o un’azione poco razionale.

A chi setzidi in cuaddu allenu ‘ndi cabada candu no ‘oidi

Si usa, ad esempio, quando una persona occupa un posto che non gli appartiene.

Sa petta ghettendi nexi a su scraffaioni – Su boi chi narada corrudu a su mobenti

Dicesi quando una persona in torto ne accusa una che si è comportata allo stesso modo.

 

Su cuaddu friau sa sedda si timidi

Si dice quando una persona ha paura che gli venga rinfacciata qualche mancanza.

Parafama e croccadì

Dicesi per una persona che si vanta di saper fare qualsiasi cosa e invece è un buono a nulla.

 

Sa bella presenzia da siccada s’edadi, solu s’onestadi no si siccada mai

Andada ca’ sa musca a latti

Frase usata quando a una persona poco simpatica succede qualcosa di male.

Torra su pisci a biu

Dicesi per un ambiente particolarmente umido e freddo

Basalliscu

Persona indiavolata, molto vivace.

Pedru mascu

Dicesi per ragazza mascolina.

Mobentraxiu

Dicesi per persona un po’ trascurata, anche se fine a poco tempo fa era un vero e proprio mestiere praticato da una persona che aveva il compito di radunare tutti gli asinelli del paese utilizzati per la macinazione del grano (mola sarda), per portarli in un punto stabilito chiamato "sa cotta de i mobentisi", dove esisteva un recinto apposito nel quale gli animali dovevano mangiare, sgranchirsi le zampe dopo giorni di duro lavoro.

Su chi passillada s’infriscada, su chi si setzidi si siccada

Chi si mantiene attivo si mantiene più giovane, sia a livello fisico che mentale, mentre chi si ferma, chi è passivo, chi ozia, si appasisce a livello fisico e mentale.

 

S’andada ‘e su fumu fetzasta

S’andada ‘e su pidu e sa mongia

Mancai no torristi

Dicesi a persona non particolarmente gradita, come il fumo che se ne va e non torna più.

 

Fai beni e bai a ora maba

Ti comporti bene e vieni mandato a quel paese.

Appostisi de s’arrori ogni mobenti è dottori

Dopo che una persona commette un errore, tutti sono bravi a criticare.

Mellu mobenti chi no valenti

Meglio apparire modesto che darsi delle arie.

Parridi una pippiedda de canna

Dicesi di bambina particolarmente minuta e magra.

S’unconi pratziu, s’angelu si dui seidi

Lode a chi divide qualcosa con un'altra persona.

 

Che cani forru ‘e figu

Dicesi a persona che rifiuta una cosa da cui è particolarmente attratta.

A arriccu no deppasta, a poberu no promittasta

 

Patti chi no è nemmusu su mobenti

Dicesi a persona superba e vanitosa.

Nostra Signora e is angiusu incingia bistiri nou

Dicesi a persona benestante che indossava un vestito nuovo

Unu aleresu solu ballidi po dexi strangiusu

No comment.


SA TZARACHIA

 

Era un raduno festivo dei prestatori di manodopera, prevalentemente agricola, in una determinata casa o ambiente. In questa occasione venivano suonati dei balli sardi eseguiti con la fisarmonica o con l’armonica a bocca dai musicisti locali. Questo raduno, organizzato nei giorni festivi, cominciava nel periodo di natale e si protraeva fino a martedì grasso. Le danze cominciavano durante il pomeriggio e terminavano a mezzanotte.Il giorno conclusivo (martedì grasso) al posto dei classici balli, venivano intonati dei canti. L’importanza di questo raduno non erano i balli e i canti in sé, ma bensì ciò che maturava all’interno del gruppo: amori, discussioni, ecc.. (informazioni fornite da Don Ignazio Orrù, Tomasa Coni, Attilio Melis, Paola Murru).


 

CONTIXEDDUSU

Aneddoto poco conosciuto

Si racconta che in occasione di una funzione religiosa nella chiesa di Santa Maria, una certa Tzia Giosinta, durante un "possedimento demoniaco", con due balzi avesse attraversato la chiesa dirigendosi verso il sacerdote, sottomesso a mo’ di cavallino, pronunciando: "Prù cuaddu miu".

Aneddoto citato

Negli anni ’30, ad Ales, si verificò un episodio alquanto curioso: fu celebrata la festa di Santa Maria in forma laica. Successe infatti che il comitato per i festeggiamenti non si trovò in sintonia con il parroco di allora, Mons. Fanni. Sembra che il comitato organizzatore volesse estromettere il parroco dall’organizzazione della festa, cosa alquanto difficile, conoscendo la verve dell’uomo. Il comitato si rivolse al vescovo, Mons. Emanuelli, chiedendogli di intervenire per risolvere la diatriba. Il vescovo, salomonicamente, affermò che erano fatti di competenza della parrocchia, e che lui doveva invece interessarsi di problemi che riguardavano l’intera Diocesi. Mons. Fanni, risentito per il comportamento del comitato, vietò l’uso della Santa per la processione e fece chiudere la chiesa di Santa Maria. Per tutta risposta il comitato riuscì a ottenere da una signora di Ales un quadro della Vergine, che fu collocato su un’asta e utilizzato per la processione al posto di Santa Maria. Si racconta che questa processione alquanto anomala riscosse non poco successo (forse la devozione per la Vergine ad Ales è molto più forte delle ripicche personali). Furono organizzate anche le pariglie, corse di cavalli, e fu utilizzato un quadrupede meno nobile dei cavalli che, condotto davanti al muraglione della chiesa, doveva servire per trasportare il parroco ribelle fuori da Ales.

 

 

 

Si racconta che nei primi anni del secolo scorso due sposini di Ales si fossero recati a Cagliari in viaggio di nozze. Arrivati a destinazione, sistemati i bagagli nella camera da letto, la sposina, intenta a sposarsi per consumare il suo primo giorno di matrimonio, sollevato lo sguardo, vide la sua immagine riflessa nello specchio (per la prima volta in assoluto) e si spaventò tanto da urlare terrorizzata implorando il marito di andare subito via, in quanto nella stanza c’erano persone estranee.

 

 

 

Nel secolo scorso in occasione dei funerali delle persone benestanti del paese, si usava consegnare ai bambini una candela come premio di riconoscenza per la partecipazione alla funzione funebre.


 

 

SA CANZONI DE CRUBBA

 

Negli anni ’30 ad Ales ma non solo, arrivavano dalla zona di Arbus i cosiddetti cantastorie. Questi, accompagnati da un fisarmonicista, componevano e cantavano canzoni su fatti realmente accaduti, che poi venivano vendute. Questa era "Sa canzoni de crubba", che trattava più che altro storie d’amore, intrecci amorosi. Abbiamo trovato alcuni esempi di queste canzoni che sono contenuti nelle audiocassette e che descriviamo qui in breve:

la prima, citata da Murru Paola, risale agli anni ’30, e parla di un ragazzo che, partito a fare il militare, riceve le consuete lettere della fidanzata ma anche quelle graffianti della suocera, che si era innamorata di lui, col tentativo di mettere zizzania tra la figlia e il suo amato.

L’altra, citata da Tiddia Marisa (sentita da sua nonna), parla di una certa Gigigina Cancedda che fu abbandonata dal marito dopo aver avuto due figli. In occasione della festa di S.Barbara la ragazza, spinta dal furore, ammazzò il marito con tre colpi di fucile.


 

 

IS GOCCIUS

 

Citiamo anche i goccius in quanto, anche se appartengono alla tradizione religiosa paesana, fanno parte della musicalità alberese. Questi erano delle composizioni in ottave (aperte e concluse dalle quartine) che venivano cantate in onore dei santi, ad esempio "Is goccius de Sant’Isidoru" o "Is goccius de Santa Maria". Alcuni esempi di goccius sono allegati alla relazione.


 

CONCLUSIONI

 

Questo lavoro, visto anche il poco tempo a disposizione, ha richiesto un discreto impegno. Tutto sommato possiamo dire che è stata un’esperienza interessante che potrà costituire la base per una futura ricerca più approfondita sulle tradizioni locali. La ricerca sul campo ha stuzzicato la nostra curiosità e la voglia di riappropriarci delle antiche tradizioni aleresi e ha sviluppato la nostra conoscenza in merito. Ci ha fatto piacere anche incontrare persone anziane con cui da tempo non ci capitava di discutere, e di vedere anche la loro soddisfazione nel poter condividere le proprie idee e i loro ricordi con i giovani; abbiamo capito una volta per tutte che le antiche abitudini erano radicalmente differenti a quelle odierne e le distrazioni erano ben poche. E’ stato anche divertente per certi versi: questi sono stati i lati positivi del lavoro.

Purtroppo, oltre al poco tempo a disposizione, abbiamo incontrato anche altri problemi, come l’iniziale difficoltà a comunicare con alcuni informatori (specialmente i più anziani) che comunque si sono dimostrati abbastanza pazienti e disponibili; la scarsità dei documenti attinenti al nostro campo di ricerca; l’assenza di apparecchiatura adeguata alla registrazione delle interviste; la diffidenza di alcuni informatori che in alcune occasioni hanno mostrato un certo imbarazzo durante la conversazione o l’eventuale registrazione (forse questo è dovuto anche alla nostra pressoché totale inesperienza); la difficoltà incontrata nel trascrivere, e comprendere in certi casi, il sardo (forse non saremo i soli).

Concludendo, teniamo a sottolineare che il nostro lavoro (anche se incompleto) e quello dei nostri compagni di corso non sia fine a se stesso, ma che sia uno spunto per approfondire le conoscenze e la ricerca nell’ambito delle tradizioni del nostro paese e che rappresenti un momento di crescita culturale.